Libri. Digitale e carta alleati ma le famiglie italiane non leggono

Le cattive notizie non arrivano mai da sole e se è vero che i lettori in Italia sono in calo, purtroppo sembra altrettanto plausibile credere che 1 famiglia su 10 non ha libri in casa. Detta così sembra una storia assurda, non è credibile pensare che possano esserci famiglie con nessun libro in casa ospitato in una libreria qualunque che arredi i nostri appartamenti. Eppure è così.

Leggendo in giro nel web agenzie di stampa accreditate e blog di settore e di news affermati, sembra che non ci sia scampo da questa verità: 1 famiglia su 10 non ha libri e le famiglie italiane non leggono.

Leggete qui per farvi un’idea. I dati rivelati dall’ISTAT sono sconfortanti sono andata a leggere direttamente sul sito il comunicato stampa di questa mattina e i dati riferiti a una ricerca svolta nel 2016 afferma che in quell’anno i lettori sono passati da un dato percentuale del 42% al 40,5% un calo che non porta il buon umore nel mondo editoriale.

Leggere

Libri
Le famiglie non leggono

Difatti i grandi marchi editoriali hanno ristretto le tirature dei libri immessi nel mercato anche se hanno cercato di portare in commercio un numero di titoli maggiore nella speranza di catturare un pubblico di lettori in aumento. I dati sono sconfortanti, si cerca di invitare il pubblico alla lettura, ma poi, ahimè tutto finisce in una bolla di sapone. Continua a leggere

Annunci

Libri, oggetto non identificato dagli italiani. Calo dei lettori

Oggi smanettavo nel web e mi sono imbattuta in questa notizia sul Today economia, dove si asserisce che il numero degli italiani lettori è in calo.

Non bastava avere il primato del popolo meno amante dei libri in Europa, adesso i lettori scendono di numero. Com’è possibile che nel nostro Bel Paese, famoso in tutto il mondo per artisti di cultura che hanno segnato la storia dell’arte del mondo, debba vivere questo tristissimo primato?

Secondo una recente ricerca, leggerete nell’articolo QUI, il lettori, invece di aumentare, tendono a diminuire; speravo in una notizia opposta, negli ultimi tempi speravo che grazie al mondo self e al prezzo dei libri digitali più abbordabili dei cartacei, potesse arrivare sul finire di quest’anno una notizia rincuorante. Nulla. Non accade niente, poco importa che si vendano ebook al costo di un caffè e o di un cappuccino, in Italia non si legge.

Com’è possibile?

  • Perché in Italia non si amano i libri?
  • Cosa dovremo mai inventarci per stuzzicare l’interesse verso il mondo della lettura?
Libri e lettori
Lettori

Leggere, scrivere, argomentare. Prove ragionate di scrittura
Come leggere 1 libro al giorno

Chiedo a voi popolo che legge i blog, riviste e libri, secondo voi, quale può essere la motivazione di tale tendenza spiacevole e aggiungo, di sconfitta? Continua a leggere

Scrittura creativa – scrivere una professione

Scrittura creativa. Scrivere è una professione, un mestiere, cosa serve sapere.

Salve lettori del blog, non aggiorno la rubrica sulla scrittura da un po’ di tempo, come avevo accennato tempo fa’, oggi voglio parlarvi di scrittura creativa, ma cos’è e a cosa serve?

La scrittura creativa è quel lato affascinante della scrittura che tutti vorrebbero provare almeno una volta nella vita. Lo scrittore è una figura intrigante, in passato quando pensavo agli autori e alle scrittrici dei romanzi che leggevo, li immaginavo come persone irraggiungibili, con un qualcosa di unico e speciale. Scrivere per me è sempre stato un modo speciale e unico per rapportarmi con il mondo, prima del 2010 non pensavo che la scrittura si potesse concretizzare per me come un lavoro che occupasse parte integrante della mia giornata. Poi ho scoperto che la scrittura non era solo quella della classica carta stampata, ma la versione digitale, gli ebook, stavano diventando una realtà importante nel mondo editoriale, sia per i libri che scrivevo e soprattutto da un punto di vista lavorativo. Potevo guadagnare scrivendo articoli per vari siti e redazioni online stando a casa, da quel momento mi si è aperto un modo. Oggi ancora ci sono lettori che preferiscono unicamente il cartaceo, in parte capisco la voglia di rimanere legati alle origini, ma i lettori affamati di lettura hanno imparato ad apprezzare gli ebook per tanti aspetti.

scrittura creativa

Prima di tutto costano meno dei cartacei e in tempi di crisi e ristrettezze, chi legge tanto, un numero importante di libri in un mese, riesce a risparmiare una cifra discreta, per cui i libri digitali diventano un’alternativa valida ai libri da annusare e sfogliare. Ogni tanto i cartacei li compro anch’io e mi piace averli e perdermi con il suono delicato delle pagine che si inseguono le une alle altre. Innegabile, che il libro in carta con una copertina da toccare con mano ha un suo valore, ma l’ebook ha molte comodità evidenti, non solo in termini di risparmio, ma anche come aiuto alla natura. Non è un pensiero ricorrente tra i lettori, ma è vero, leggere in digitale aiuterà il futuro, perché di conseguenza si può risparmiare sulla carta e quindi preservare parte del nostro importante patrimonio verde che ricopre un pezzo del pianeta, al contempo, l’ebook aiuta anche  difendere l’ambiente dall’inquinamento.

Potrebbero interessarvi

Manuale di scrittura digitale creativa e consapevole
Lezioni di scrittura creativa. Un manuale di tecnica ed esercizi della più grande scuola di formazione americana
Il mestiere di scrivere. Esercizi, lezioni, saggi di scrittura creativa

Continua a leggere

Fuoco cuore Acqua (Caserma 17) Simona Diodovich

Buon sabato gente oggi sono lieta di farvi conoscere la nuova opera dell’autrice Simona Diodovich, un titolo intrigante e una copertina che profuma di acqua, amore, cuore, avventura… sarà un’altra opera indimenticabile di quest’autrice con un’esperienza importante nel settore e professionalità, come poche. Consiglio di leggerla, io questo libro non me lo farò mancare, e voi?

51xgqwly9dl
QUI SU AMAZON

Sinossi

Ella Rhodes viene trasferita alla caserma 17, sarà la nuova segretaria dei vigili del fuoco. Non voleva accettare a dir il vero, ma era tanta la voglia di tornare nell’unico posto che lei può chiamare casa.
James Calver Matthews è tenente della squadra e ha buoni motivi per non volerla lì con loro. Lei era la fidanzata di suo fratello che ora non c’è più. Vederla gli ricorda ogni momento che Jared è morto adempiendo al suo dovere di vigile del fuoco. La sua dolcezza lo metteva in crisi. Non era il periodo adatto per scombussolargli la vita con il suo arrivo, aveva già tra i piedi il sostituto del fratello che odia a morte.
L’elenco delle situazioni negative si allunga di secondo in secondo.
Allora perché ogni volta che la vede si sente irritato e, al tempo stesso, desidera starle vicino?
Finalmente siamo alla resa dei conti su una storia che dura da dieci anni e tutto può andare storto fino all’ultimo minuto. Caserma 17: l’altoparlante annuncia un incendio e tutti escono per proteggere le persone. Ci sarà tempo per risolvere le questioni d’amore. Forse, se non è troppo tardi.

L’autrice ci regala un po’ di estratti Continua a leggere