Articoli, interviste, Parliamone

Intervista. Parliamo con la pittrice Chiara Magni.

Una nuova intervista arricchisce questo blog con storie belle, interessanti e davvero straordinarie. Ho chiesto alla pittrice Chiara Magni di raccontarsi per noi, di parlare del suo lavoro, della passione che alimenta e nutre una pittrice e come avvicinarsi questo mondo artistico affascinante ma del quale non sempre ha una giusta attenzione.

Vedete i suoi lavori, è stata tanto gentile da inviarmi un po’ di fotografie delle sue tele e sono davvero stupende.

Occhio alla gallery.

Per voi, l’intervista alla pittrice Chiara Magni

 

p

 

Intervista. Parliamo con la pittrice Chiara Magni

 

Ciao Chiara e grazie per aver accettato il mio invito. Presentiamoci ai lettori, chi sei e cosa fai nella vita?

Ciao e grazie a te per il tuo tempo e disponibilità! Sono una pittrice professionista, ho 31 anni e vivo sul Lago di Garda.  

L’arte come detto fa parte della tua vita, com’è nata questa passione dentro di te e quando hai capito che la pittura era il tuo futuro?

Diciamo che questa passione è nata il 19 Luglio 1988….ovvero quando sono nata io! Io e la mia passione siamo una cosa sola, io tengo in vita lei e lei tiene in vita me.  Ho iniziato già subito da piccola a disegnare, bè anche ad imbrattare casa, le pareti, i mobili etc.. sicuramente è una cosa che fanno tutti i bambini, tuttavia, io non so cosa pensano gli altri bambini mentre scrivono sulle pareti…o sui divani; quello che so è che io già avevo l’idea che stavo svolgendo una professione e che quello era proprio il mio ruolo! Questa cosa non mi hai abbandonata, nel 2014 ho avuto una spinta molto forte ed inarrestabile e che mi ha fatto capire che non potevo più vedere la cosa come un hobby ma che dovevo prendere una decisione, o abbandonare completamente quella strada o farlo come professionista. Per fortuna ho scelto l’ultima opzione! 

Come vive la sua giornata un’artista? Parlaci un po’ della tua giornata tipo.

Le cose sono cambiate tanto con gli anni, nei primi tempi è più una ricerca che fai all’interno di te stesso, cerchi di trovare il tuo stile ed il tuo tratto inconfondibile, cerchi di dare il meglio, a volte ti perdi in tanti pensieri anche un po’ tristi, poi se passi quella fase che può durare anche anni, se ne esci vivo ahahaha, allora inizi a capire che tutte le volte che amici e famigliari hanno mostrato ammirazione lo intendevano davvero e non solo “perché sei tu”, inizi a capire che chi fino ad ora ha collezionato i tuoi quadri lo voleva veramente non perchè tu eri simpatica o facevi tenerezza. Con il tempo si diventa sempre più forti e sempre più stabili…..perchè questo lungo preambolo? E cosa c’entra con la mia giornata tipo? C’entra perchè qualche mese fa non avrei avuto le giornate tipo che sto avendo ora e forse qualche tempo fa non mi sarei nemmeno resa conto che sto facendo del mio sogno una realtà; sotto sotto sono sempre stata positiva e la speranza e la determinazione sono state sempre la cosa che mi ha motivata a non mollare, mi sono sempre detta “sognare non costa niente” ed infatti oggi sto vivendo i sogni che ho sognato un anno fa e probabilmente a fine 2020 starò vivendo i sogni che ho sognato proprio oggi.

Ti faccio un esempio di giornata tipo….venerdì scorso: mi sono alzata abbastanza presto come al solito diciamo, mi sono tuffata in tazza di caffè americano e ho fatto una colazione abbondante,(poi capirai perchè specifico abbondante e come sia stata la mia salvezza), verso le 9 mi sono sentita al telefono con un collezionista e abbiamo preso accordi per una commissione. Alle 9.30 sono andata in studio e mi sono detta “Ok inizio questo 100x100Cm”, mi sono messa a lavorare su questo quadro abbastanza grande, che presto svelerò al pubblico, ero lì con i mie colori le mie idee etc etc ….ad un certo punto guardo l’orologio,erano le 19.30!!! Mi ero dimenticata di mangiare e per fortuna avevo una bottiglia d’acqua che ho sorseggiato mentre facevo il quadro. Ecco perchè sono stata previdente a fare una colazione abbondante hahaah.

Come ho visto l’orologio e ho capito quante ore fossero passate sono stata piacevolmente sorpresa e ho proprio sentito una sensazione di divertimento e appagamento, sensazioni che poi sono state oscurate da una grande fame! hahaha… in passato ho fatto sessioni di 4 o 6 ore tutte di fila ma non ero mai andata oltre…. è stato un momento molto bello!

 

Quando non passo la giornata intera in studio, mi occupo di tutta la parte online, comunico con le Gallerie che mi rappresentano, creo nuove collaborazioni, etc  

Com’è stato il tuo percorso professionale e artistico per raggiungere gli obiettivi del presente?

Come dicevo nella risposta precedente, la cosa chiave è stata non mollare nonostante le avversità e nonostante i mille “buoni motivi” per fare qualcosa di più facile.  Ho perfezionato la mia tecnica e le mie opere sempre di più e continuo a darmi da fare in quella direzione in modo da fornire sempre dei prodotti di qualità che rendano i miei collezionisti felici. Mi concentro sempre su due fronti: migliorare sempre di più le mie opere mentre continuo a farmi conoscere in tutto il mondo. Sembrano azioni facili ma in un contesto così saturo di artisti non è così automatico, tuttavia ho imparato a prendere la cosa con molta calma e positività; e devo dire che sta andando piuttosto bene.  Ogni artista merita di avere indietro quello per cui lavora sodo, io ammiro i miei colleghi e non ne invidio nessuno.

Volendo addentrarci nella parte professionale, qual è il tuo metodo usato per dipingere le tue tele? Usi qualche tecnica particolare?

Si ho una tecnica piuttosto speciale e non molto diffusa: il FINGER PAINTING, ovvero pittura con le dita. Significa che non uso ne pennelli ne spatole e che tutti i mie lavoro sono creati con abbondante pittura ad olio, non diluita, ma pura dal tubetto che appunto stendo con le dita. É molto divertente e soddisfacente. 

Come arriva l’ispirazione per un soggetto da dipingere, rispetto a un altro?

Ma ti dirò… non è una cosa mistica…arriva se la cerchi, se ti poni domande su cosa sia il bello, su cosa sia l’estetica e su come i colori possono essere abbinati, e soprattutto arriva se hai il desiderio di comunicare qualcosa e di fare la differenza nella società tramite la tua arte!

q21

Quali sono le tue preferenze? Sei orientata più verso paesaggi, soggetti animati, persone o cosa?

Diciamo che mi sono “imposta” di essere in grado di rappresentare più categorie possibili in modo da non mettere limiti a dove la mia arte possa arrivare. Di recente ho anche iniziato una serie di “Ritratti” cosa che non sentivo di essere ancora pronta a fare. Tra i miei preferiti ci sono i nudi di donna e i quadri subacquei. Tuttavia recentemente ho notato che il soggetto che mi rilassa di più sono i paesaggi.

La pittura e l’arte in generale sono visti con grande fascino, cosa si potrebbe fare in Italia per stuzzicare maggiormente l’attenzione verso il tuo settore?

Bella domanda, mi dispiace dire che sfortunatamente sto trovando molto più riscontro all’estero; il 60% dei miei collezionisti sono americani, poi c’è circa un 20% nel resto del Mondo e un altro 20% in Italia; non mi aspettavo che sarebbe andata così onestamente.  Se devo essere onesta credo che i “leaders” che si occupano di arte in Italia (e non sto assolutamente parlando degli artisti) dovrebbero essere meno snob e meno altezzosi. Certi individui credono di poter decidere loro cosa sia bello o brutto e credono di avere il diritto di giocare con i sogni di un giovane artista, spesso chiedendo delle cifre assurde in cambio di pochissimo aiuto oppure tentando di plasmare l’estro dell’artista stesso. Io ho avuto la fortuna di non cascare in questa trappola;  ed ho deciso che parte della mia missione e cambiare questo sistema e aiutare i giovani artisti a non cadere in questa ragnatela. Per rispondere alla tua domanda, sarebbe sufficiente che i “boss” del settore fossero meno ingessati e che trovassero una genuina voglia di portare il loro artista da emergente ad affermato, credo che ad un certo punto nei rapporti umani la cosa più importante siano la comprensione e l’amore verso il prossimo, non solo verso il denaro e la corsa ad avere uno status.  

Io sono rappresentata da 5 Gallerie, e 3 sono in Italia e mi ritengo davvero fortunata ad aver trovato in Italia 3 galleristi splendidi come loro, perciò non tutto è perduto! Io sono sempre positiva e speranzosa!

q25

Cosa consiglieresti a un appassionato di arte come te, che intende seguire il tuo stesso percorso? Quali sono le caratteristiche che deve avere una persona che vuole diventare un pittore o pittrice?

Io ovviamente parlo per me e posso dire quello che per me sta funzionando e ha funzionato in passato.  Una cosa importante è sapere che la strada è molto ripida, che nessuno la spianerà per te e che è un campo molto particolare, allo stesso tempo la PERSISTENZA e la POSITIVITÀ’ devono essere sempre presenti 24h su 24 e non devono mai abbandonare i ragionamenti dell’artista; in ogni progetto, in ogni nuova collaborazione, insomma costantemente c’è da pensare al futuro con persistenza e positività. Ovvio che anche le opere artistiche stesse devono avere un senso … non è facile codificare l’arte,  una cosa per me stupenda potrebbe essere per te orribile; ma in questi due estremi credo che l’artista debba trovare il suo centro, il suo stile e la sua firma inconfondibile e continuare a battere su quello tentando di essere sempre meglio. 

Questa presentazione richiede JavaScript.

Cosa significa per te essere una pittrice?

Per me è una cosa piuttosto irrefrenabile, non riesco ad immaginarmi a fare niente altro, non sono io che cerco l’ispirazione ma è lei che è sempre presente in me hahaha. Punto a creare delle opere che possano portare delle emozioni positive nelle persone,  credo che tramite l’estetica e l’armonia si possa davvero creare un grande impatto nelle persone, ed in una società già così frenetica e a tratti difficile da sopportare, se non ci aiuta l’arte ….. Inoltre come ho spiegato qualche domanda fa, voglio diventare un esempio per altri artisti giovani o emergenti e voglio fare il possibile per aiutarli a rendere il loro sogno una realtà senza cadere vittima di fregature.

Come hanno vissuto questa tua passione e lavoro la tua famiglia negli anni? Erano scettici, ti hanno appoggiato, si sono ricreduti con il tempo? Raccontaci un po’.

HAHAHA prima ti ho raccontato che da piccola imbrattavo pareti e mobili…. devo aggiungere che i mie genitori mi hanno sempre lasciato fare e questo è stato molto importante; entrambi sono stati in grado di vedere oltre e di percepire quello che io stavo provando veramente, che dietro a “quegli scarabocchi” che “tutti i bambini fanno” c’era in realtà una piccola artista convinta di stare facendo un capolavoro!  Sono stati chiave in quella fase molto delicata dove un bambino decide cosa sarà da grande! Adesso tutta la mia famiglia è felice per me e a tratti incredula, per esempio la mia anziana nonna rimane sempre incredula quando le dico come vanno le vendite o che un quadro è arrivato “addirittura a New York” ma anche lei è felice per me. 

Grazie per aver accettato questa chiacchierata virtuale. Se hai qualche pagina, blog  o sito per seguirti e vedere i tuoi lavori, questo spazio è tuo.

Grazie mille a te! Le tue domande sono state molto stimolanti!

www.chimfineart.com

www.facebook.com/chimfineart

www.instagram.com/chimfineart

 

Se questa intervista e o articolo ti è piaciuto, aiuta il blog con un semplice click, clicca su “mi piace”  e condividi sui tuoi profili social. Non ti costa nulla e a noi blogger e autrici può aiutare molto per trovare spazio e nuovi lettori.

Saluti.

 

Tiziana Cazziero

QUESTO BLOG NON CHIEDE SOVVENZIONI O PAGAMENTI PER INTERVISTE E O RECENSIONI. SE VUOI AIUTARE IL BLOG, L’AUTRICE E BOOK BLOGGER, ACQUISTA UNO DEI SUOI LIBRI ONLINE SU  AMAZON QUI 

 

Affiliazione con Amazon

Se vuoi aiutare questo blog e la sottoscritta, clicca e conosci uno dei servizi di Amazon.

Sentito parlare di AMAZON PRIME? CLICCA E SCOPRILO PER 30 GIORNI GRATIS!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...