Articoli, Recensioni

Recensione. Linea di Sangue. Angela Marsons.

Che Thriller! Ciao a tutti lettori, non aggiorno il blog come vorrei, ma sono in atto cambiamenti e nuovi progetti, per cui vado a rilento, da settembre dovrebbero esserci delle novità, ma vedremo come saranno sviluppate.

Voglio parlarvi della mia ultima lettura terminata: Linea di Sangue dell’autrice Angela Marsons, pubblicato con Newton Compton Editore. Una vera scoperta per me. Non la conoscevo questa scrittrice e neanche la serie con la detective Kim Stone, alla quale mi sono subito affezionata.

51w1dnkzgsl

QUI SU AMAZON

Partiamo.

Il romanzo si apre con un omicidio, all’apparenza sembrerebbe un tentativo di furto d’auto riuscito male con cadavere annesso. Troppo semplice, infatti Kim, la detective, si mette subito in agitazione. I dettagli lasciano intravedere altro e lei, con la sua intuizione non si fa prendere in giro dalle apparenze. La sua squadra le è fedele e vicina, ma alcune figure giovani e meno esperte devono ancora imparare a conoscere con chi lavorano e soprattutto a mettersi in gioco nel duro lavoro poliziesco.

La vittima è stata ritrovata con una ferita da arma da taglio all’addome. Non ci sono segni di colluttazione. Non si è difesa, non ci ha nemmeno provato. Gli agenti brancolano nel buio. Intraprendono un percorso d’indagine a 360 gradi nel vano tentativo di individuare l’assassino e capire cosa sia accaduto alla vittima, un’assistente sociale che vive nel lusso e che scopriranno gli agenti, vivere una situazione famigliare particolare.

Il ritrovamento di un secondo cadavere, ucciso con lo stesso modus operandi mette in discussione le ipotesi vagliate fino a quel momento. Non è un assassinio casuale, ma si tratta di un serial Killer.

A complicare il tutto c’è la presenza di una vecchia conoscenza della detective Kim Stone, la sociopatica schizofrenica Alexandra Thorne con la quale si è scontrata in passato, nel romanzo “Il gioco del male“. Quest’ultimo non l’ho letto, ma è stato già inserito in lista. Nonostante questo la storia si legge in maniera autonoma e indipendente, ho scoperto per caso questo libro, entrando in una libreria per fare un regalo e dopo averne sentito parlare bene, ho deciso di leggerlo anch’io e non sono stata tradita dalle aspettative.

Inizialmente il romanzo e la trama si muovono un po’ a rilento, intrecciare i personaggi e gli eventi richiede una bella attenzione, ma quando si arriva a metà libro, si corre per andare alla risoluzione del caso e delle vicende che girano intorno alla detective.

Abbiamo una trama che si intreccia con una seconda storia, quella della sociopatica, che dal carcere nel quale è rinchiusa, sembra non avere perso il potere e il tocco della manipolazione mentale delle persone a lei intorno. Kim lavora a un caso complicato e al contempo deve difendersi da una sociopatica che anche dal carcere riesce ad agire e intraprendere una strada di vendetta contro la nemica Kim. Tutto è condito da un aspetto psicologico barcollante della stessa detective, quando scopre che la madre schizofrenica chiusa in una struttura per elementi come lei, macchiatasi di atrocità terribili, potrebbe essere rimessa in libertà. Il personale medico e gli addetti ai lavori confidano nella sua guarigione, stanno valutando il suo stato mentale e tutto all’apparenza convaliderebbe la tesi, secondo la quale, il soggetto è stato riabilitato, per cui non rappresenterebbe un pericolo per la società.

Sono tanti elementi e stare dietro alla sequenza delle vicende richiede una lettura continua e attenta. Sul finale si corre contro il tempo, il lettore intraprende una ricorsa frenetica alla ricerca del serial killer, la cui identità rimane celata fino al colpo di scena finale che ammetto, non mi aspettavo.

Cosa non mi è piaciuto.

Non c’è qualcosa di definito che non mi piaciuto, come dicevo sopra, inizialmente lo scorrere delle pagine è stato lento, ma solo perchè si deve ancora entrate nel vivo della trama con tanti personaggi principali e secondari che hanno un ruolo ben preciso nella tela che l’autrice ha costruito con minuziosa peculiarità.

Ho avuto l’impressione che la sociopatica avesse troppo potere dall’interno del carcere. Che la sua capacità di manipolazione delle persone, anche di soggetti non carcerati ed estranee al carcere, fosse troppo sottolineata, quasi si tocca il paranormale, ma al contempo è giusto valutare il potere di una mente malvagia su altre meno forti, con personalità deboli e con tanti fantasmi nell’armadio.

Cosa mi è piaciuto

L’introspezione dei personaggi, la loro costruzione, la personalità, con pregi e difetti, resi veri e reali dalla capacità della scrittrice di renderli tali. L’aspetto psicologico è un elemento fondamentale per la costruzione di una trama convincente. Ho amato Kim nonostante in certe parti appare una super detective; ha le sue debolezze interiori che la rendono fragile all’interno del suo “io” personale, ma il passato doloroso l’ha resa una combattente e riesce a resistere alle intemperie dell’anima. Mi piacciono le donne forti, che nonostante atroci sofferenze riescono a non farsi sconfiggere dai mali terribili vissuti in una vita passata, che sono riuscite in qualche modo a tenere lontano dal loro presente momenti di una vita che avrebbe potuto schiacciarle.

Il cuore soffre, ma lei è una persona, prima che essere una detective, che vive di emozioni e sentimenti, e nonostante appari fredda e brutale nel suo modo di essere, il suo mondo interiore completa in pieno una personalità per certi versi contraddittori.

  • Conclusioni.

Un bel romanzo.

Un Thriller che mozza il fiato sul finale.

Una storia che non tradisce le aspettative, ti porta per mano per le vie della città, tra i boschi, fa vivere la storia quasi in una visione tridimensionale. I dettagli, i particolari sono fondamentali affinché un romanzo graffi il cuore dei lettori, coinvolgendoli fino alla parola fine.

Grazie per la vostra attenzione e se sei arrivato fino a qui, spero che tu voglia condividere con noi un tuo pensiero. Un commento su quanto sopra scritto. Hai letto questo libro, ti è piaciuto? Cosa ne pensi?                                                                              Vorrai acquistarlo?

Fammi sapere.

Alla prossima

Tiziana Cazziero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...