Scrivere
Articoli, Mondo blog, Mondo Blogger, Scrivere

Scrivere. Pubblicare a tutti i costi?

Scrivere è una cosa seria, un mestiere, richiede sacrificio, lavoro, tempo e dedizione. Un aspetto importante e non trascurabile è il talento. Quello nessuno lo può insegnare, per tutto il resto possiamo imbarcarci in un mondo di libri, leggere tanto, studiare e cercare informazioni sul mondo intricato della scrittura.

Ogni giorno arrivano nuove pubblicazioni, autori e autrici presentano le loro opere, pubblicano sia in modo indipendente utilizzando una delle tante piattaforme che oggi ti permettono di essere online in pochi giorni oppure, ci sono scribacchini legati alla classica editoria, che pubblicano con la casa editrice.

Scrivere
Scrivere

Ogni metodo utilizzato va bene, il self può dare maggiore immediatezza del prodotto, la casa editrice deve prima visionare la tua opera, valutarla e poi accettarla, tutto questo richiede in media un tempo che oscilla tra i quattro e i sei mesi. Il libro dopo essere stato accettato, se siete fortunati nel ricevere una risposta positiva, richiede una lavorazione, quindi editing, correzione di bozze, riletture e tutto il lungo processo che richiede ancora settimane, tempo e i mesi necessari per immettere nel mercato il prodotto.

Pubblicare a tutti i costi?

Quelli sopra citati sono i due metodi moderni per pubblicare, validi a mio avviso entrambi per fare esperienza nel settore. Poi nel futuro in base ai propri vissuti un autore può decidere quale strada sia migliore per lui.

  • Poi ci sono le case editrici a pagamento.

State attenti a quando cercate la casa editrice giusta, va bene pubblicare con un editore, io stessa come autrice, mi definisco ibrida, penso che siano esperienze da fare entrambe per un autore, ma dobbiamo stare sempre attenti alle varie insidie nascoste dietro un marchio editoriale. Diffidate dalle case editrici che vi chiedono soldi e cifre esorbitanti per pubblicare, spesso si nascondono dietro la richiesta di numerose copie cartacee da comprare, parliamo di numeri come cento copie da comprare talvolta più, altre volte poco meno, ma siamo lì e tutto al prezzo di vendita al quale è applicato uno sconto autore.

Potrebbe non essere così disastroso come si pensa, però potrebbe diventare complicato piazzare nel mercato tutte le eventuali copie acquistate, per non parlare invece della richiesta che avviene dietro compenso, chiedendo cifre davvero importanti di svariati migliaia di euro. Non accettate.

Capita a tutti gli autori esordienti, che alle prime ricerche e contatti si imbattano in questi soggetti, io stessa ho ricevuto proposte di pubblicazione a pagamento all’epoca quando cominciai, nel 2010, ma ho sempre rifiutato e atteso il momento adatto. E a quel tempo non c’era il self di oggi, ricordo che pubblicai per mettermi alla prova con il sito ilmiolibro.it il mio primo libro Voltare Pagina. Fu importante anche se il sito non andava bene a mio avviso, costi di stampa elevati e di spedizione esagerati e anche i prezzi non erano bassissimi, però c’era un giro di recensioni e commenti reciproci tra autori convincente e di supporto. Lo lasciai per un anno in vetrina di quel sito, poi arrivò una proposta di pubblicazione da una casa editrice che agiva su due binari, ossia a pagamento o free. Io pubblicai free, devo dire che scoprii successivamente da altri autori che quell’editore pubblicava anche a pagamento.

Spesso sono le case editrici stesse che contattato autori che hanno pubblicato la loro prima opera in self e con giri di parole ed elogi tentano di convincere il malcapitato a pubblicare con loro. Una casa editrice dovrebbe credere nell’autore e nel libro che decide di far conoscere al pubblico dei lettori, non dovrebbe richiedere denaro, ma solo eventualmente una collaborazione attiva nella promozione dell’opera.

Capita anche questo, che molti autori pensano che arrivare alla pubblicazione sia l’ultimo passaggio, sbagliato. Pur avendo pubblicato con casa editrice l’autore stesso deve mettersi in gioco per primo e cercare di pubblicizzarsi e farsi conoscere attraverso tutti i canali disponibili. Le case editrici oggi vogliono anche questo e non è un aspetto da tralasciare, anzi, direi che è fondamentale che un autore abbia una sua personalità e che debba cercare il modo di crearsi un seguito di lettori.

Pubblicare a tutti i costi e al primo impatto con il mondo editoriale non deve avvenire con una casa editrice a pagamento, non dovrebbe essere così, può essere un aiuto in certi casi ma dipende sempre dall’autore stesso e dalla sua capacità di farsi strada nel settore.

scrittore
scrittore

Ho conosciuti molti autori che hanno seguito questa strada e altrettanti sono rimasti nel dimenticatoio, solo alcune perle bianche sono emerse, hanno avuto l’ingegno e anche l’estrosità di mettere a frutto quell’esperienza.

Molti vogliono pubblicare a tutti i costi anche pagando migliaia di euro pur di dire ad amici e parenti: ho pubblicato un libro.

Non fatelo.

 

 

Tiziana Cazziero

Annunci

11 pensieri riguardo “Scrivere. Pubblicare a tutti i costi?”

  1. Eccomi, sono io! Molti anni fa (non ricordo neanche quando, forse era il 2010), seguendo un sito/forum sull’antico Egitto conobbi un egittologo torinese che aveva anche una casa editrice. Un giorno annunciò sul forum che era possibile pubblicare. Occasione ghiotta, per me, che avevo tutta una serie di racconti che giacevano in uno dei cassetti del PC; finì,naturalmente, ne approfittai. Naturalmente, come hai detto tu, mi chiesero fior di euro. E, altrettanto naturalmente, se un giorno dovessi pubblicare altro, non vado di certo a ricercarli; anche perché mi promisero alcune cose che poi non hanno mantenuto. E questo avvalora la mia convinzione a non cercarli di nuovo.

    Mi piace

    1. Ciao Luca, sì purtroppo promettono anche mari e monti, interviste televisive, radio e giornali e poi, non fanno nulla di tutto questo. Cercano di incantare gli autori come possono e poi è chiaro che fanno solamente i loro interessi. Ciao e buona giornata.

      Piace a 1 persona

      1. Ciao Tiziana, grazie… Se un giorno dovessi pubblicare qualcos’altro, penso ricorrerei ad una CE free, sena alcun dubbio. Ciao, buona giornata anche a te

        Mi piace

      2. Ciao Tiziana, stasera inizierò il tuo “Meglio soli ma non troppo”. Naturalmente sarà mio dovere farti sapere cosa ne penso. Ti auguro una piacevole serata! 😉

        Mi piace

      3. Ciao grazie mille e wow spero sia una buona lettura, scritto come avrai visto a quattro mani con Tiziana Iaccarino, fammi sapere la tua opinione, un saluto.

        Tiziana

        Piace a 1 persona

  2. Ciao Tiziana, sono perfettamente d’accordo con te!
    Purtroppo molti autori si lasciano sedurre dalla promessa di pubblicazione, che poi anche se avviene, non è curata e seguita come dovrebbe.
    Diciamo che l’inesperienza gioca a sfavore dell’autore, ma credo che il problema sia anche l’impazienza e il sapere di potersi auto-pubblicare.
    Gli autori non imparano come muoversi attraverso le case editrici e non si informano su come funzioni davvero questo ” mondo “.
    Così, la fretta porta a fare le scelte sbagliate.
    E per quanto mi dispiaccia, ovvio, capisco, però credo anche, che bisogna avere un minimo di pazienza e parecchia voglia di imparare.
    Sharon!

    Mi piace

    1. Ciao concordissimo con te, purtroppo oggi il self appare come un ottimo mezzo ma anche un’arma a doppio taglio per gli autori inesperti. Buona giornata e grazie della visita.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...