interviste, Interviste autori

Intervista a Vincenzo Carriero, ci presenta Una giornata bestiale

Non aggiorno il blog da qualche giorno, ma questo è un periodo un po’ pieno e ricco di impegni, presto avrete mie notizie, promesso. Per adesso sono lieta di dirvi che in questo 2018 tornano le interviste del blog.

Ho il piacere di presentarvi Vincenzo Carriero autore del libro Una giornata bestiale. 

Abbiamo scambiato due chiacchiere virtuali, questo titolo mi è sembrato curioso e devo dire, che altrettanto lo è questa breve chiacchierata che sono certa vi farà sorridere.

Intervista a Vincenzo Carriero

 

IMG_20170409_142230429

Ciao Vincenzo ben arrivato nel mio blog. Come nasce Una giornata bestiale? Di Cosa parla?

Ciao Tiziana e grazie per l’ospitalità. Sono molto felice di rispondere alle tue domande.

Una giornata bestiale è il mio primo romanzo e nasce all’improvviso come uno sbadiglio. Ho cominciato a scriverlo poco dopo il mio quarantesimo compleanno, un bel giorno di inverno quando, appena sveglio, mi sono guardato allo specchio e mi sono accorto di quanto fossi scoglionato. Allora ho deciso di raccontare me stesso, il mio punto di vista sul mondo e la società che mi circonda. È stato un processo lungo e difficile perché mi sono chiesto se fosse necessario, quanto potesse essere importante per gli altri. Poi ho realizzato che era importante per me, che mi serviva per crescere come uomo, padre, marito. Sì perché Una giornata bestiale racconta di un viaggio, un percorso tortuoso che l’uomo qualunque, Enzo, il personaggio principale ( che sono io ) intraprende per affrontare la sua paura di vivere. Cercherò di rispondere alla domanda che mi assilla da tempo:

 “Sarò capace di vivere normalmente?”

Eppoi, “che significa essere normale? Ha senso esserlo?”

Ecco che il viaggio diventa una specie di incubo, una discesa senza freni giù all’inferno. Sarò accompagnato da mio fratello mai nato, miss Capitone, un angelo/demone senza sesso perché frutto di un aborto. Capitone mi aiuterà a scoprire chi sono davvero. Bello, brutto, buono e cattivo al tempo stesso. Una giornata bestiale è un romanzo difficile, avvincente, sofferto ma pure divertente ( in alcune parti si ride davvero ). È un romanzo senza senso eppure con tanto significato. La cosa bella è che offre diversi livelli di lettura e ognuno ci trova un piccolo frammento della propria vita. Ecco, la forza di questo romanzo è proprio questo. Crea empatia. La trovo una cosa eccezionale.

 

Chi è Vincenzo Carriero? presentati ai lettori.

Vincenzo Carriero è parecchio matto. Vegetariano ma non troppo, anarchico convinto, non si è mai tagliato la barba ma porta i capelli molto corti. Lavora tanto, mangia il giusto, legge troppo e vorrebbe passare il tempo restante della propria vita in un posto di mare, dove fa sempre caldo. Fosse per lui abolirebbe le giacche nere, le cravatte a pois, le strette di mano poco convinte e il proibizionismo della signora Maria. Vincenzo è nato a Napoli ma si considera cittadino del mondo. Vorrebbe ammirare il cielo dell’emisfero australe per vedere come sono fatte le stelle. Un giorno farà lo scrittore a tempo pieno e imparerà a rollare le sigarette.

Quando hai cominciato a scrivere?

Scrivo storie da sempre. Da quando ero piccolissimo. Poi ho smesso per un lungo periodo perché tutto quello che scrivevo non mi piaceva. Mi sono riavvicinato alla scrittura in un periodo di crisi profonda e da allora non ho più smesso. Io dico sempre che la scrittura mi ha salvato.

Hai pubblicato altre opere oltre Una giornata bestiale?

COP.eb.una giornata bestiale (1)Sì, in primavera uscirà il mio secondo romanzo, edito da Le Mezzelane. Si chiama Pulp napoletano ed è una storia d’amore parecchio complicata. A fine anno poi, vedrà la luce il mio terzo romanzo, Infernapoli. Non posso ancora rivelare l’editore perchè non ho ancora deciso se firmare.

Come sei arrivato alla stesura del libro e cosa ha ispirato Una giornata Bestiale?

Sembrerà assurdo ma Una giornata bestiale è stato ispirato da una cartella esattoriale. Un bel giorno bussa il postino e mi recapita un’ingiunzione di pagamento per aver effettuato un versamento INPS con paio di giorni di ritardo. Questa cosa mi ha fatto talmente infuriare che ci ho scritto un romanzo. Se ci penso adesso la cosa mi fa un po’ ridere e quasi me ne vergogno. Chissà se il buon Alighieri aveva debiti con Equitalia. Mi pare proprio di sì.

Cosa si deve aspettare un lettore da questo libro?

In questo libro si ride, ci si indigna, si pensa e ci si interroga sul senso della vita. Una giornata bestiale ti riporta con i piedi per terra. Forse ti dà pure un pugno nello stomaco. Sicuramente è un romanzo che ti resta dentro per la sua originalità. Su una cosa posso garantire, non esiste una storia uguale a questa.

Chi può leggere questa storia?

Questa è una storia che dovrebbero leggere tutti. Dai più grandi ai più piccoli. Magari il linguaggio usato non è proprio oxfordiano, direi un po’ “pulpeggiante”; però la storia è piena di personaggi al limite, piccole, grandi macchiette metropolitane che tutti dovrebbero conoscere.

Enzo, il protagonista del romanzo, è forse ispirato a te stesso? Quanto c’è di tuo nel libro?

Direi che in questo libro c’è tutto me stesso. Le mie debolezze, i miei sogni, il mio dolore, il mio incubo ricorrente. In questo libro c’è il mio sangue, le mie lacrime, le notti insonni a pensare ai debiti. Direi che chi legge questo romanzo può dire di conoscermi senza avermi mai visto. Questo è un fatto bello.

Cosa vorresti aggiungere per convincere un lettore a leggere il tuo libro?

Caro lettore, ti voglio bene, assaje. Ti prego, compra il libro se no il mio editore, miss “Lovable” Lovati, si incazza di brutto. Inoltre, per ogni copia venduta, guadagno un euro e si sa, è notorio, teng’ bisogno.

Grazie, siamo al termine dell’intervista se vuoi aggiungere qualcosa non detto, questo spazio è tuo.

Grazie Tiziana, ringrazio te, i lettori del tuo blog e la Costituzione italiana grazie alla quale anche un cazzaro come me può pubblicare un libro.

Tiziana Cazziero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...