Recensione Diario per mio figlio Silvestra Sorbrera

Questa recensione non è come tutte le altre, la lettura del libro che sto per presentarvi, in effetti,  non è la solita richiesta per le recensioni, o che magri ti trovi nel kindle. Per me è stato un viaggio indietro nel tempo. In un periodo lontano ma pur sempre vicino nel mio cuore, mai dimenticato.

516czbw18gl

Diario per mio figlio

Sinossi

Eleonora e Riccardo desiderano un figlio. La strada per diventare genitori sarà però tutta in salita, costellata di visite mediche, di lotte contro i pregiudizi, di sconfitte. Diario per mio figlio è la storia vera di una donna che si è battuta contro i propri limiti e contro chi le ha dato dell’egoista durante la sua ricerca della maternità. È anche un punto di partenza per porsi domande importanti: una coppia può esistere senza un figlio? Quando arriva il momento di fermarsi con i tentativi? Non ci sono risposte certe e valide per tutte. L’importante è scegliere la propria strada e portarla avanti con forza e serenità.

Recensione Diario per mio figlio Silvestra Sorbrera

Diario per mio figlio, si avvicina per molti versi al mio romanzo E tu quando lo fai un figlio? Entrambe le autrici hanno raccontato un mondo nascosto, che solo chi ci passa può comprendere.E tu quando lo fai un figlio? (Youfeel): Diario di una maternità negata

L’infertilità è l’impossibilità di concepire un bambino “alla vecchia maniera”, per dirla sorridendo o meglio, in modo naturale. Non ho mai fatto mistero di questo con nessuno in quegli anni, oltre dieci, trascorsi in attesa di un bambino, durante i quali mi sono trovata immersa in una realtà complicata, tortuosa, spinosa e spesso, la cosa più triste, è vedere e subire, seppure senza volerlo da parte di altri, l’indifferenza o forse l’incomprensione per questo problema che coinvolge un numero importante di coppie nel mondo.

I protagonisti di questa storia Diario per mio figlio, sono Eleonora e Riccardo, un coppia che come tante altre, corona il sogno del matrimonio e vivono in attesa di completare la loro unione con l’arrivo di un bambino. I due giovani col trascorrere del tempo si rendono conto che qualcosa non va come dovrebbe, sono innamorati, stanno bene insieme e hanno due vite complete, ma un velo nero rischia di ingrigire il loro futuro. Desiderano un figlio, ma quello che sembra essere la cosa più naturale del mondo, si trasforma in una lotta contro la natura stessa.

Sono anni che la medicina offre alle coppie con questi problemi la possibilità di avere dei figli, grazie all’aiuto di farmaci, protocolli e il procedimento della fecondazione assistita, che possono apparire complicati a chi non ha vissuto questa esperienza, ma che in realtà non lo sono e, purtroppo, con il trascorrere del tempo, tali procedimenti diventano quasi una prassi, seppur dolorosa e fastidiosa, per quelle coppie che devono affrontare questo calvario prima di diventare genitori. Aggiungo, che questi sono dei tentativi, un aiuto, un sostegno della medicina, senza però avere alcuna certezza sull’esito delle terapie.

Il racconto si snoda tra le pagine, raccontando in prima persona, da parte della protagonista, questo percorso complicato. Ho trovato il testo scritto bene, molto tecnico, infatti sono stati nominati alcuni dei farmaci che conosco bene che servono per la stimolazione ovarica, in sostanza sono ormoni, con il compito di facilitare la produzione ovarica.  Un approccio diverso da quello adoperato dalla sottoscritta, ma che racconta in sostanza una stessa esperienza di vita.

“In becco alla cicogna!”

“ Buona Cova”

“compitini”

Sono tutti modi di dire del linguaggio tipico presente nei forum dedicati a questo problema. La protagonista parla del suo bisogno di condividere con qualcuno questo percorso e trova tante amiche nel web per il confronto non solo fisico, ma anche per avere informazioni e un supporto morale e psicologico, che spesso non si trova altrove, né in amici né in parenti, che non possono comprendere pienamente cosa provano due persone che cercano un figlio che non arriva.

Una lettura che consiglio a tutti, anche a chi non ha vissuto questo problema direttamente, ma che tuttavia potrebbero conoscere qualcuno che lo ha vissuto, questa lettura potrebbe dare una visione dell’argomento diverso da come ci si aspetta e conosce.

Un unico appunto è sul finale, non vi svelo nulla, ma avrei voluto che ci fosse qualcosa in più da leggere e sapere sui protagonisti e altri sviluppi sul loro percorso, prima di giungere al finale.

Leggetelo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...