Intervista a Jessica Tommasi autrice di Necrotica

Riprendono le interviste agli autori, una rubrica che mi piace molto e penso che sia molto utile far parlare gli autori e dar loro voce e possibilità di arrivare ai lettori con i blog e i gruppi social.

Ho scambiato una virituale chiacchierata con Jessica Tommasi e lei si è raccontata nel mio blog.

51q3ma4j1vl-_sx331_bo1204203200_Intervista a Jessica Tommasi autrice di Necrotica

Necrotica: Trama Di Un Sogno E Sottile Raso D’incubo

Sinossi

“L’Immortalità ha da sempre affascinato l’uomo. Sacerdoti, alchimisti, ricercatori basano i loro studi per prolungare la vita umana quanto più possibile, per combattere la paura della morte.
Poi ci sono i Vampiri.
Il lapislazzuli non protegge dalla luce del sole, che è rigorosamente vietata.
I sentimenti scemano pian piano, lasciando solamente una gran collera dentro di te, una furia incapace di essere colmata anche col sangue. Doversi attenere a Patti Antichi andando contro il tuo essere, dover rifuggire le persone che si amano, con cui si è stretto un profondo legame. Dover mentire sulla propria identità, sulla propria età, mostrarsi più stolti ed ignoranti di quanto non si è davvero. Dover custodire il segreto dei Secoli passati. Dover combattere contro superstizioni umane.
È la dannazione, non il raggiungimento della Perfezione.
I Figli vanno scelti con cura. Coloro che hanno un animo predisposto all’adattamento e alla sapienza. Coloro che sono pronti a rinunciare a tutto, senza paura, seppur con riverenza. Coloro che non pongono mai interrogativi, ma sottomettono il loro volere ai più Anziani. Coloro che sono fedeli e che mai mostrano pentimento.
Quindi pensateci. Pensateci prima di compiere un passo su un terreno instabile e pregno di dolore, di rabbia, d’insoddisfazione, di vendetta.
Questa è la Condanna più grande che Dio potesse dare.”

Silloge poetica costituita da cinquanta componimenti, in ordine non cronologico, inerenti alla figura del Vampiro.
Essa è volutamente atipica, in quanto strutturata in maniera più simile a una raccolta di racconti o a un romanzo breve. (Prefazione, preambolo, prologo…).
Contiene, dopo le svariate poesie, alcune “chicche” e un racconto bonus a fine libro

  1. Ciao Jessica e ben venuta nel mio blog, parlaci di te, chi è Jessica Tommasi?

Jessica Tommasi è l’anima di una donna in un corpo adolescenziale, che ne ha passate tante per la sua età effettiva, tuttavia è maturata anche grazie alla sofferenza subìta e provata. Chi mi guarda, è ingannato dai suoi stessi occhi, giacché non credono che io abbia più di quindici, sedici anni. Chi mi parla e prova a conoscermi, invece, si sorprende sempre.

  1. Come nasce il libro Necrotica: Trama di un sogno e sottile raso d’incubo? Vuoi parlarcene?

Faccio giusto un accenno, in quanto questa parta è ampiamente spiegata all’interno dell’opera. “Necrotica” nasce a cavallo dell’ultimo anno di scuola media e gli inizi delle superiori. Tuttavia, scrivendo poesie fin da quando frequentavo le elementari, l’esigenza di creare qualcosa di soltanto mio diventava sempre più pressante, qualcosa di veramente incontenibile.

  1. Questa è la tua prima opera? Come sei arrivata alla decisione finale della pubblicazione?

La mia prima opera in assoluto è “De Rosa Rubra”, un’antologia di racconti fantasy a più mani, incentrata sul tema delle rose rosse, edita dalla Kimerik Edizioni in formato cartaceo nel 2014. Abbiamo optato per la pubblicazione perché volevamo metterci in gioco e sfidare i nostri limiti.

  1. Poesie, come mai questa scelta di pubblicare una silloge di questo genere, quando le hai scritte e cosa rappresenta per te questo libro?

Come ho detto in precedenza, le poesie hanno incominciato a prendere forma quando ero molto giovane. Quelle più recenti risalgono ad alcuni mesi fa, mentre una buona parte non sono altro che la rielaborazione di scritti già pronti e tenuti nel cassetto. “Necrotica”, buffo a dirsi, rappresenta per me l’approdo a un sogno e, in quanto sogno, fattosi tangibile, reale. Un figlio di carta tanto amato, partorito da macchie di inchiostro e carta ruvida.

  1. Autrice self per scelta oppure hai provato con editori? E cosa pensi dell’editoria moderna?

Ho provato a pubblicare tramite editori, ma mi contattavano e contattano principalmente case editrici a pagamento e quelle che proponevano un contratto che, secondo me, aveva delle falle e delle clausole inaccettabili. Per questo mi diedi al self, tentando una nuova strada mai percorsa prima. Non nego che, in futuro, mi piacerebbe pubblicare con una casa come si deve, non per forza grande e famosa, basta sia strutturata bene e sia, soprattutto, onesta.

  1. Self contro editori, come vedi il futuro dell’editoria? Ti sei fatta un’idea?

Penso che il futuro dell’editoria sia nelle mani di avrà il coraggio di cambiare e di adattarsi ai tempi che corrono. Inoltre tutti si chiedono: “Il self-publishing conviene? E, se non conviene, vale affidarsi alle case editrici italiane?”

Chi aspira a costruire una carriera – o presunta tale – da scrittore dovrebbe tener conto delle fondamenta di un libro, ovvero le emozioni, i pensieri e il tempo che i lettori ti dedicano.

Dal punto di vista del lettore, se un libro è piacevole e interessante, poco cambia se esso sia stato pubblicato con un editore o con Narcissus, quindi auto-pubblicato. Secondo me una pecca dell’editoria italiana sta nel fatto che, una volta pubblicato l’agognato libro, vieni lasciato al tuo destino, alla deriva. In rare occasioni ho visto del sostegno promozionale, devoluto, per esempio, nei confronti quei tre, cinque libro dell’anno su cui puntano tutto.

  1. Come nasce la promozione di un libro secondo te? Quali sono i passaggi fondamentali? Tu come gestisci questo aspetto della pubblicazione?

I passaggi fondamentali della promozione potrebbero essere i seguenti:

– Scrivere un buon libro prima di promuoverlo;

– Cercare e trovare una nicchia di lettori;

– Trovare le parole-chiave giuste e, se possibile, organizzare delle campagne di marketing;

– Progettare un blog, una pagina Facebook o comunque sia un proprio sito e promuovere l’opera;

– Creare una newsletter efficace;

– Fare public relations e networking, ovvero coinvolgere e interagire con i fan.

Questa è la mia pagina autrice: https://www.facebook.com/Blackout-rosso-sangueDiario-di-una-Rinascita-158950204187206/

Potete trovare “Necrotica” anche su Amazon e nei principali store on line: http://www.amazon.it/Necrotica-Trama-sogno-sottile-dincubo-ebook/dp/B01D7UFYZU/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1462708017&sr=1-1&keywords=necrotica

Grazie del tempo concesso e se vuoi aggiungere qualcosa, questo spazio è tuo: inserisci pagine e qualche link per il contatto autore, se ti va.

Grazie a te, Tiziana, per avermi ospitata!

L’autrice

A Jessica ScarlettRose, classe 1995, appartiene da tempo la voglia di scrivere, ovvero da quando frequentava le elementari; poi, alle superiori, divenne più consapevole. Ha pubblicato la sua prima opera (in formato cartaceo) nel 2014, un mese dopo il compimento dei diciannove anni, grazie alla casa editrice Kimerik. Partecipa ai concorsi più disparati, sia di genere narrativo sia di poesia, per i quali ha già ricevuto alcuni riconoscimenti pubblici. Riguardo al suo percorso formativo, si è diplomata presso il Liceo Psico Pedagogico Sociale; prosegue in via privata gli studi a impronta socio-umanistica, in quanto ora si diletta nello studio del linguaggio non verbale, della psiche umana e della Criminologia. Collabora anche con riviste online a favore, per esempio, della tutela dell’ambiente e degli animali. Ama il genere gotico in tutte sue forme e declinazioni. Per un po’, infatti, ha posato come fotomodella alternativa, un modo attraverso cui ha potuto, a maggior ragione, esprimere se stessa.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...