L’amore diverso di Fleur Du Mar Anticipazione

Buon lunedì lettori del gruppo, questo mese di maggio promette davvero bene in termini di uscite e nuove pubblicazioni. Sono diverse le segnalazioni e le anticipazioni, una di queste è il nuovo romanzo dell’autrice Fleur Du Mar che hgo avuto modo di apprezzare con la sua opera Questione di Gusto, che arriva con una nuova storia: L’amore diverso.

Non siete curiosi? Per voi la sinossi e mi raccomando segnatevi questa data: il 12 maggio data di pubblicazione prevista per l’abook e il 30 arriverà anche il cartaceo.

L’amore diverso Fleur Du Mar

13081834_1584363605189635_783671193_nSinossi

 

Edward Huffington, barone di Hallwick è un avvocato di nobili origini, egocentrico e annoiato da una vita che gli ha offerto tutto ciò che potrebbe desiderare, senza dargli realmente nulla. È attratto sia dagli uomini che dalle donne, traendo piacere nel guardare gli amplessi dei suoi amanti.

Virginie Baynes è una ragazza insolita e disinibita. Adottata da una ricca nobildonna all’età di sedici anni, alla morte di quest’ultima si vede annullare l’adozione. Forte e caparbia, disillusa e curiosa, attrae Edward per la sua bellezza singolare e l’intrigante sensualità.

L’incontro tra i due è sconvolgente. Virginie, affascinata dalle pratiche erotiche cui viene introdotta, scopre una nuova dimensione della sessualità. L’uomo, d’altro canto, si sente per la prima volta profondamente attratto da qualcuno anche a livello emotivo. Incapace di gestire quei nuovi sentimenti, s’illude di mantenere un certo controllo provando a condividere Virginie con i suoi amanti abituali. La donna però lo sorprende, ribaltando i ruoli e rendendolo dipendente e geloso. Inizia così un gioco di prevaricazione e potere, ma è davvero solo un gioco? O nasconde qualcosa di più?

 L’autrice ci regala anche un estratto.

 Le prese il volto tra le mani, le accarezzò con i pollici gli zigomi. Si spostò sul naso piccolo e dritto e lo seguì per tutta la sua lunghezza. Deviò verso le guance, ricongiunse le dita sul mento e poi arrivò alle labbra. Le accarezzò più volte, sentendo un desiderio crescente di premerle contro le sue e poi morderle, succhiarle, torturarle in tutti i modi possibili e immaginabili. Gemette frustrato e poi lo fece. Si avventò su quella bocca che aveva desiderato fin dal primo istante. Mugolando di piacere continuò a baciarla, invadendola con la lingua, succhiandole un labbro e poi di nuovo baciandola più a fondo, più a lungo. Il piccolo gemito che le sfuggì lo mandò in estasi e lo rese pazzo. E a quel punto non bastarono più le labbra. Volle baciare tutto: il volto, il collo, i seni e poi, come ubriaco, si chinò su quel sesso deliziosamente glabro, leggermente luccicante per quel dolce nettare che cominciava a bagnarlo. E lui… lui che non dava nulla ma lo prendeva. Lui che si era sempre rifiutato di chinarsi di fronte a chicchessia, si ritrovò lì a gemere e mormorare frasi sconnesse, completamente succube di quella creatura sconosciuta e sconvolgente che lo aveva stordito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...