Intervista a Soraya Tiezzi, ci parla del suo Ermione di Sparta

Ben trovati nel mio blog, oggi mi occupo della rubrica dedicata alle interviste agli autori, parliamo con Soraya Tiezzi del suo romanzo Ermione di Sparta.

  1. Ciao e ben trovata nel mio blog. Cominciamo subito, cos’è per te la scrittura?Ciao grazie a te per questa intervista.
    Allora per me scrivere è essere me stessa, liberarmi e tirare fuori tutte le emozioni che sento, e buttare giù una delle storie che creo prima di addormentarmi.. è una cosa che faccio quando non riesco a dormire, è così che è nato Ermione di Sparta, e anche un altro libro che spero di poter pubblicare.

    51phhjiy7vl-_sx497_bo1204203200_
    acquista qui
  2. Quando hai deciso di fare il grande passo: pubblicare?

Ho deciso di pubblicare da molto tempo.. ho provato con CE ma non è andata bene e così ho valutato altre opzioni e alla fine dopo mesi ho scelto Amazon.

  1. Che genere tratta il tuo libro? Leggendo la sinossi, noto l’ambientazione nel mondo antico greco, come mai questa scelta?

Si, questo libro (Ermione di Sparta) parla della guerra di Troia, a me ha sempre affascinato fin dalle elementari, questo mondo di Dei e Titani, di sacrifici.. amo la mitologia da sempre, ho letto molti miti e sono andata pure in Grecia quindi è proprio un grande amore, spero davvero di poter tornare nel Peloponneso, ho bei ricordi di quei giorni trascorsi li, nonostante la compagnia lasciasse a desiderare, devo ammettere purtroppo.

  1. Ermione di Sparta è la tua prima opera? Vuoi parlarne?

Come ho già detto è nato tutto dal metodo che uso prima di addormentarmi, avevo questa storia in mente e alla fine ho iniziato a scriverla, ma non mi convinceva così ho cancellato tutto e mi sono fatta da capo e alla fine è uscito fuori un romanzo di cui vado fiera, molto, il primo che ho terminato.

  1. Chi è protagonista principale dell’opera e a chi ti sei ispirata per la sua caratterizzazione?

I protagonisti sono molti.. Ermione è la principale, la voce che narra è la sua, lei è una principessa ma non l’ho resa lagnosa come molte, l’ho resa forte e al tempo stesso una ragazza fragile per via di tutto ciò che ha perduto, ma determinata nel riuscire ad ottenere ciò che vuole, ossia la vendetta.
Poi c’è Oreste, lui è il figlio di Agamennone ed è il ragazzo di cui Ermione è innamorata, lotta contro i suoi sentimenti al principio, poiché non vuole deludere il padre che non accetta affatto Ermione perché è sempre pronta a contraddirlo, e questo è ciò che un re e un comandante non può permettersi; inoltre Oreste sa che Ermine odia suo padre e che lo vorrebbe morto per ciò che ha fatto ad Ifigenia.
Ultimo di cui parlo sennò la lista diventa lunga.. Achille.
Achille è un uomo ormai, un uomo che detesta stare agli ordini di Agamennone il re dei re, ma lo fa, finché lui non lo umilia.
E’ un eroe e quindi è ribelle, affascinante, sfrontato e ovviamente fortissimo.
Il suo amore per Patroclo è così forte che scatenerà la sua ira quando Ettore lo ucciderà, è stanco e provato dalla guerra, ma non ha alcuna intenzione di andarsene da Troia nonostante le suppliche di Ermione.

  1. Come definiresti il tuo romanzo? Perché un lettore dovrebbe sceglierlo?Dunque perché sceglierlo.. be’ perché ho dato una nuova vita a tutti i personaggi, che nel corso del tempo comunque sono stati ripresi e rivisitati, libri, film, ma loro (i miei) hanno qualcosa di speciale e di diverso, così come credo ogni personaggio.
    Perché il mio romanzo merita di essere letto, perché sono riuscita a trasmettere molte emozioni e non lo dico con modestia, sono obbiettiva, se fosse stato mio e non fosse stato bello lo avrei detto, ma non è così, io credo che ognuno abbia un dono, il mio è la scrittura.
  2. Il genere trattato è lo stesso che preferisci anche come lettrice?

Dipende, al principio ero in fissa con il fantasy ma ora non più, non c’è più nulla di bello da leggere secondo me.. poi sono passata alla narrativa con i bellissimi libri di Khaled Hosseini che mi sono rimasti nel cuore, tutti e tre, uno più bello dell’altro, ma ho letto di vari autori ovvio.. da un po’ sto in fissa con il genere storico ma a mio avviso di decenti (non voglio offendere nessuno i gusti son gusti) ce ne sono pochi..veramente pochi che meritino di essere letti..
La Canzone di Achille è uno dei più belli, anche Memorie di una cagna, Alexandros, il Ragazzo persiano e sinceramente con grande rammarico, pochi altri.

  1. Pubblicazione in self, come mai questa scelta?

Come già detto pubblico in self perché con le CE non ho avuto fortuna.. una mi ha chiesto troppo, un’altra di stravolgere il mio libro (non sarebbe più stato il mio libro poi) e le altre mi hanno pressoché ignorata e così ho scelto il self, ed Amazon.

  1. Promozione, come gestisci la pubblicità del tuo libro

Cerco di fargli più pubblicità possibile, nei gruppi su Facebook principalmente, ma  anche sul mio canale YouTube, nel blog da poco creato.. insomma in ogni modo possibile, anche tramite queste interviste.

Vuoi aggiungere qualcosa non detto? Questo spazio è tuo per link pagine e qualche citazione dal tuo testo, se vuoi.

Non detto..no penso di aver detto tutto, ma credo che stia a chi leggerà questa intervista se ho ragione sul fatto che Ermione di Sparta meriti di essere letto.
—> Link dell’estratto di YouTube

> Intervista con la tv locale Tele Idea: https://www.youtube.com/watch?v=gG2zyCBtupE

—> Blog: https://voceailibri.wordpress.com/su-di-me/

Piccolo estratto:

Adesso però l’ultima parola doveva essere la mia.
« Guardami bene principe di Troia » gli dissi avvicinandomi un po’ di più a lui « Prima che questa guerra giunga al termine ti giurò che avrò la mia vendetta. Non ti ucciderò subito, sarebbe un modo troppo veloce per te di pagare, no ti farò assistere alla caduta della tua città, la vedrai divorata dalle fiamme, il tuo bellissimo palazzo distrutto, sentirai la tua gente urlare la vedrai morire, il mio sarà l’ultimo volto che vedrai prima che la morte ti prenda per sempre, te lo giuro, te lo giuro sullo spirito di Ifigenia; non sei degno di essere un principe, non sei degno del nobile sangue che ti scorre nelle vene! »
Avrei mantenuto quella promessa a costo della mi stessa vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...